Ministero della giustizia4

Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità

Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione penale Esterna per la Calabria

Catanzaro 

 

 

Avviso pubblico finalizzato all’individuazione di soggetti del terzo settore per affidamento della realizzazione del Progetto “UP DOWN” sperimentazione di un management di rete pubblico-privata per l’inserimento lavorativo di almeno 8 soggetti in esecuzione penale (18-35 anni) residenti nella Regione Calabria in modo innovativo, in attuazione del protocollo d’intesa stipulato tra la Regione Calabria ed il Ministero della Giustizia il 19 ottobre 2016.

Premessa

L’Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna di Catanzaro, di seguito denominato UIEPE, nell’ambito delle politiche di incremento dei percorsi di reinserimento sociale delle persone sottoposte a misure penali nel territorio della Regione Calabria, con il presente avviso pubblico intende affidare ad, Associazioni, Cooperative, Fondazione IN CO-PROGETTAZIONE, la realizzazione del Progetto “UP DOWN”, nel quali saranno inseriti almeno 8 soggetti selezionati dai firmatari della partnership Istituzionale, il Provveditorato Regionale per l’Amministrazione Penitenziaria (P.R.A.P.) di Catanzaro e il Centro Giustizia Minorile (C.G.M.) della Calabria che hanno sottoscritto l’accordo in data 29.1.2019, designando come Ente capofila l’UIEPE di Catanzaro.

Il Direttore

Visto quanto riportato dalla Circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n° 2 dell’11 marzo 2008 (Disposizioni in tema di collaborazioni esterne);

Attesi gli oneri di pubblicità legale e di trasparenza previsti dalla normativa in vigore;

Considerati i bisogni formativi e trattamentali delle persone in esecuzione penale in trattamento presso gli Uffici EPE della Calabria, gli Istituti Penitenziari ed il Centro Giustizia della Calabria;

Valutata la necessità di stipulare specifica convenzione/i per l’affidamento dell’incarico/chi di conduzione delle attività previste nel progetto “UP DOWN ”.

INDICE

selezione per l’affidamento IN CO-PROGETTAZIONE per il progetto UP DOWN da realizzarsi inalmeno due Uffici di Esecuzione Penale della Calabria.
CIGZ072AD784D

  1. a)Finalità e sintesi dell’intervento

Con il presente avviso si intende procedere ad una manifestazione d’interesse in coprogettazione così come descritto nell’allegata scheda. Questa AD chiede di dar voce attraverso start up innovative alle esigenze della nostra utenza residente nella Regione Calabria, mirate all’inclusione ed all’integrazione degli stessi che costituiscono una parte della popolazione a rischio di emarginazione. Questa AD chiede all’Associazione Temporanea di scopo (ATS), che abbia esperienza nel mondo dell’esecuzione Penale Esterna, idee progettuali e strumenti idonei ad affrontare le nuove sfide del mercato del lavoro nell’era della globalizzazione per le fasce svantaggiate alle quali, per Mission, è tenuta ad offrire percorsi risocializzanti, riconoscendo alle persone in esecuzione penale il diritto alla “riabilitazione”, all’accompagnamento al reinserimento a pieno titolo nella società.

Obiettivi: Fornire conoscenze/competenze/abilità, specifiche per i diversi ambiti individuati nel punto a) nonché idee innovative per la peculiare tipologia dell’utenza ;

 

Destinatari dell’attività: 8 soggetti in esecuzione penale intramuraria con possibilità di accesso alle misure alternative e dai soggetti in misura alternativa di un’età compresa tra i 18 ed i 35 anni residenti nella Regione Calabria;

Ambito territoriale:

Il Progetto si svolgerà in almeno due Uffici di esecuzione penale esterna dell’Interdistretto indicati tra quelli presenti nelle città di CZ, CS, KR, RC,VV, per un periodo di 9 mesi;

Tempi di attuazione: il progetto “UP DOWN” sarà realizzato durante l’esercizio finanziario dell’anno 2020 ed i previsti tirocini saranno di mesi 9;

Metodologia di intervento: da indicare nell’idea progettuale alla luce delle previste attività delle idee innovative relative alle start up individuate;

Modalità di partecipazione ed aggiudicazione. E’ consentito partecipare alla manifestazione d’interesse utilizzando l’allegato modello.

L’Ente sarà tenuto:

  • ad anticipare al fruitore del tirocinio l'indennità di tirocinio (non inferiore a 400 euro mensili);
  • a corrispondere gli oneri assicurativi (INAIL e responsabilità civile);
  • alle eventuali spese di trasporto per lo svolgimento del tirocinio;
  • a nominare un tutor, per la quale attività è previsto un compenso di euro 17,63 lorde all'ora, precisando che per ogni mensilità di tirocinio non potranno essere riconosciute più di sei ore di tutoraggio;

I materiali eventualmente occorrenti per l’esecuzione del progetto saranno a carico dell’Ente attuatore.     Si evidenzia che le competenze e i rimborsi spese saranno corrisposti all’ente attuatore previa presentazione mensile della fattura elettronica e la relazione tecnica dell’andamento del progetto.

  1. b)Soggetti ammessi alla presentazione della domanda/e

Possono presentare domanda in risposta al presente Avviso pubblico i soggetti del Terzo Settore costituitesi in ATS in possesso dei seguenti requisiti:

  • Requisiti di ordine generale e di idoneità professionale:
  1. insussistenza di una delle cause di esclusione previste dall’art. 80 del d.lgs. n. 50/2016 e successive modifiche ed integrazioni;
  2. non versare in alcuna delle ipotesi di conflitto di interesse, previste dall’art. 42 del citato decreto;
  3. iscrizione nell’Albo regionale delle cooperative sociali, ove esistente;
    (in alternativa) iscrizione nel Registro delle Associazioni o atto equivalente;
    (in alternativa) iscrizione nel Registro delle imprese sociali o atto equivalente;
  4. per le Associazioni e Fondazioni , nello Statuto deve risultare che l’oggetto sociale è attinente alle attività previste nel presente Avviso;
  • Requisiti di capacità tecnico-professionale richiesti per la partecipazione:
    La partecipazione al progetto UP DOWN richiede che il soggetto proponente dimostri, mediante idonea documentazione, di essere in possesso delle seguenti caratteristiche:
  1. Avere al proprio interno competenze di adeguata professionalità e con esperienza documentata negli ambiti a cui si fa riferimento nelle “Azioni” del progetto presentato;
  2. Aver maturato, negli ultimi tre anni, esperienze significative per almeno un anno negli ambiti tematici e nella tipologia di azioni individuate dal progetto;
  3. Mettere a disposizione, in caso di ammissione al progetto “UP DOWN”, almeno due sedi operative, ubicate nella Città indicate nel programma.
  4. Assicurare ai destinatari gli elementi essenziali di formazione in materia di sicurezza nello specifico luogo di lavoro ed il tutoraggio/coordinamento dei tirocinanti nello svolgimento delle attività lavorative.

Si richiama quanto previsto all’art. 76 del D.P.R. 445/2000, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi contenute. Il soggetto pubblico verificherà il possesso dei requisiti di ordine generale e di idoneità professionale, di capacità tecnica ed economico-finanziaria dichiarati dal soggetto attuatore selezionato e, a campione, potrà farlo per gli altri soggetti partecipanti.

DOCUMENTAZIONE PER L’AMMISSIONE

  1. La BUSTA n°1deve contenere , a pena di esclusione, i seguenti documenti:
    1. 1.domanda di partecipazione conforme al modello 1, contenente:
    2. 2.tutti i dati anagrafici e identificativi dei candidati, compresi codice fiscale, partita IVA e individuazione del soggetto, dell’indirizzo e dei recapiti (telefono e fax, indirizzo di posta elettronica certificata ove disponibile) a cui far pervenire comunicazioni.
    3. 3.Le dichiarazioni, rese ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000 n. 445, relative al possesso di tutti i requisiti di partecipazione prescritti al punto b).
      L’istanza di partecipazione dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto concorrente; in caso di raggruppamento già costituito, dal legale rappresentante dell’impresa capogruppo; in caso di raggruppamento o consorzio non ancora costituito, dai legali rappresentanti di tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento o il consorzio.
    4. 4.Fotocopia documento di identificazione o riconoscimento in corso di validità del/i sottoscrittore/i
    5. 5.Procura speciale o copia autenticata della stessa, nel caso l’istanza e/o le dichiarazioni non siano firmate dal legale rappresentante del concorrente.
    6. 6.Dichiarazione di avere in disponibilità due sedi operative,
    7. 7.Dichiarazione attestante l’impegno alla costituzione di una Associazione Temporanea di Scopo finalizzata alla coprogettazione (si dovrà giungere alla costituzione di un’ unica Associazione Temporanea di Scopo composta da tutti i soggetti ritenuti idonei e ammessi alla coprogettazione in relazione ai diversi Programmi) da formalizzarsi prima dell’avvio della fase di coprogettazione.
    8. 8. Atto costitutivo o statuto da cui si evinca lo svolgimento di attività nei settori oggetto della procedura.
  2. La BUSTA n. 2 deve contenere, a pena di esclusione, l’elaborato della proposta progettuale costituito da:
    1. 1.1.Progetto strutturato utilizzando l’apposito modello , tenendo conto del sistema di valutazione redatto ed aderendo alle indicazioni ivi contenute, potranno essere allegati documenti e schede di completamento della proposta.
    2. 1.2.trattandosi di ATS, l’elaborato dovrà essere sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto capofila dell’accordo di rete istituzionale se già costituito, da tutti i soggetti partecipanti al raggruppamento se non ancora costituiti e dovrà essere presentata un’ipotesi operativa in cui siano chiarite le modalità di collaborazione e di integrazione tra le diverse associate.
  3. La BUSTA n. 3 deve contenere, a pena di esclusione
    1. 1.1.Offerta economica sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto capofila, se già costituito e da tutti i soggetti partecipanti al raggruppamento se non ancora costituiti.

La proposta predetta dovrà pervenire in apposito plico, entro il quale riporre le tre buste, contraddistinte dal n° 1, 2 e 3 chiuse e sigillate con timbratura e firma dell’offerente riportando altresì all’esterno le seguenti diciture:

  • I riferimenti del mittente (denominazione o ragione sociale del concorrente) con dicitura : “Progetto UP DOWN” ;
  • l’indirizzo destinatario: Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna – Via Tre Fontane, n°28 – 88100 Catanzaro

La consegna del plico può essere assicurata tramite il servizio postale o a mezzo di corrieri privati o agenzie di recapito autorizzate entro e non oltre le ore 13,00 del 18 DICEMBRE 2019.
L’invio del plico in argomento è a totale ed esclusivo rischio del mittente, restando esclusa qualsivoglia responsabilità di questa Amministrazione, ove per disguidi e/o ritardi postali, o di altra natura, ovvero, per qualsiasi diverso motivo, il plico medesimo non pervenga all’indirizzo di destinazione entro il termine previsto. Sarà motivo di esclusione il confezionamento del plico in modo difforme da quanto sopra descritto.

L’Amministrazione ha facoltà di procedere ad aggiudicazione anche nel caso pervenga una sola proposta valida. Il presente avviso non vincola l’Amministrazione a procedere ad aggiudicazione.

 

 

VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

Scaduto il termine di presentazione delle proposte, la Commissione giudicatrice provvederà ad effettuare la valutazione delle stesse, mediante apertura del plico depositato dai proponenti ed esame preliminare della documentazione amministrativa contenuta nella prima busta.

Valutata la regolarità della documentazione amministrativa ed il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione, la Commissione predetta procederà con l’apertura delle buste contenenti la proposte di progetto, per le valutazioni di merito, in conformità ai criteri di valutazione descritti nei paragrafi successivi al presente avviso.

La Commissione sopra citata sarà composta dal Dirigente dell'Ufficio Interdistrettuale di Catanzaro, dal Dirigente Area trattamentale PRAP, dal Capo area Interdistrettuale del coordinamento , dal Capo Area contabile e da 1 funzionario di servizio sociale.

La Commissione procederà all’esame dell’ammissibilità e successivamente alla valutazione di merito delle proposte progettuali pervenute.

La Commissione si riserva di chiedere chiarimenti in relazione alla documentazione presentata dal soggetto proponente, invitandolo a produrre eventuali integrazioni documentali ed informazioni utili alle attività di valutazione. Al completamento delle procedure, la graduatoria definitiva sarà pubblicata sull’apposito spazio del sito del Ministero della Giustizia (www.giustizia.it ).

La Commissione giudicatrice si riserva altresì di procedere allo scorrimento della graduatoria in ogni caso in cui si renda necessario.

  1. a)A garanzia dell’esatto adempimento degli obblighi contrattuali, il fornitore, prima della stipula del contratto, dovrà presentare un deposito cauzionale definitivo nella misura del 10% dell’importo, ai sensi dell’art. 103 del D. Lgs. 50/2016, mediante fideiussione bancaria o con polizza assicurativa rilasciata dalla Società delle Assicurazioni legalmente autorizzata, intestata a Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna per la Calabria di Catanzaro.

La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa di cui al primo capoverso del presente articolo deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all'articolo 1957, comma 2, del Codice Civile, nonché l'operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta dell’ Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna per la Calabria di Catanzaro.

La cauzione sta a garanzia dell’adempimento di tutte le obbligazioni del contratto e del risarcimento di danni derivato dall’inadempimento delle obbligazioni stesse. La restituzione della cauzione definitiva avverrà dopo la scadenza del contratto, soltanto quando il fornitore avrà dimostrato il completo esaurimento degli obblighi contrattuali e l’estinzione di tutti i crediti nei suoi confronti. In assenza dei requisiti di esaurimento degli obblighi contrattuali la cauzione definitiva sarà trattenuta dal Committente fino all’adempimento delle condizioni suddette.

  1. b)L’appaltatore assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche. L’appaltatore si impegna a dare immediata comunicazione alla stazione appaltante ed alla Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo della Provincia di Catanzaro, della notizia dell’inadempimento della propria controparte (subappaltatore/subcontraente) agli obblighi di tracciabilità finanziaria.

PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

La valutazione delle proposte/a progettuale sarà effettuata sulla base dei seguenti criteri e sub criteri con l’attribuzione di un punteggio massimo di 100/100:

Criteri e sub
criteri di valutazione
Descrizione Punteggio massimo
criterio e sub-criterio
 
A.  Criterio Rispondenza dell’esperienza tecnico-professionale
alle priorità e bisogni individuati nella proposta progettuale
20  
a.  Sub-criterio numero anni di esperienza maturata nell'ambito di servizi, interventi e attività legate al reinserimento sociale delle persone sottoposte a provvedimenti penali (punti 0,5 per anno) max 10 punti  
b.  Sub-criterio numero di progetti innovativi e sperimentali in corso o già realizzati in materia di reinserimento sociale per persone sottoposte a provvedimenti penali (un punto per progetto) Punti 1 per progetto max 10 punti  
B.   Criterio Rilevanza e strategia 40  
a.  Sub-criterio

Il progetto affronta in modo adeguato le sfide e le opportunità

Il progetto presenta nuove soluzioni che vanno oltre la prassi esistente

max 15 punti  
b.  Sub-criterio

Il progetto è coerente con la strategia

Valutazione delle attività (indicatori e strumenti di valutazione)

max 15 punti  
 
c. Sub-criterio Articolazione di sistemi di restituzione e condivisione ,
dei risultati delle azioni e dei percorsi intrapresi, anche mediante utilizzo di tecnologie informatiche
max 10 punti  
C. Criterio Modalità operative - gestionali degli interventi e delle attività oggetto del progetto “Arcobaleno” 30  
a. sub-criterio Le attività di gestione del progetto sono adeguate ed efficaci per raggiungere i risultati max 10 punti  
b. sub-criterio Il progetto coinvolge partner adeguati con comprovata esperienza e capacità tecnica, amministrativa e finanziaria max 10 punti  
c. sub-criterio Il progetto prevede adeguate misure per garantire la sostenibilità nel tempo e la divulgazione dei risultati max 10 punti  
D. Criterio Competenze del personale da impiegare 10  
  1. Sub-criterio
specifiche qualifiche, titoli scolastici, accademici e professionali posseduti utili per la realizzazione del progetto max 4 punti  
  1. Sub-criterio
esperienze maturate nell’ambito di specifici progetti attinenti i temi del reinserimento sociale e/o lavorativo di soggetti provenienti dall’area penale max 6 punti  
E. Criterio Idee innovative (Azione 3 e 4) 20  

 

 

 

La procedura di selezione per la progettazione “ UP DOWN “ presentata in ATS, si procederà come segue:

  1. La procedura di selezione finalizzata all’individuazione dei soggetti partecipanti idonei per l’ammissione alla coprogettazione  è svolta dalla citata Commissione.
  2. I lavori della Commissione, in seduta pubblica, presso la sede dell’UIEPE in Via Tre Fontane n. 28, 88100, Catanzaro avrà luogo il 19 dicembre 2019 alle ore 15.00, data e ora che sarà confermata con pec agli Organismi che hanno partecipato alla manifestazione d’interesse.
  3. Nel giorno e nell’ora fissata, la Commissione, dopo le verifiche preliminari, procederà in seduta pubblica all’apertura della Busta n. 1 “Documentazione per l'ammissione all'istruttoria pubblica” e all’esame della documentazione in essa  contenuta.
  4. Si procederà quindi, in relazione ai soggetti ammessi, all’apertura della Busta n. 2 “Proposta progettuale” al fine di verificare che contenga la documentazione richiesta.
  5. Ultimate tali operazioni si procederà, in seduta riservata, alla valutazione degli elementi contenuti nella Busta n.3.
  6. La Commissione si avvale della facoltà di aggiornarsi in una o più sedute non aperte al pubblico per la valutazione dei suddetti elementi e la conseguente attribuzione dei relativi punteggi.
  7. Ultimata la valutazione, la Commissione procederà, in seduta pubblica, appositamente convocata, alla dichiarazione dei punteggi complessivamente attribuiti e relative motivazioni e alla dichiarazione della graduatoria di merito in base alla quale sarà disposta la ammissione dei candidati alla fase della coprogettazione.
  8. Tutti i candidati collocati nella graduatoria di merito che avranno conseguito nella valutazione delle relative proposte progettuali il punteggio complessivo minimo di 60/100 saranno ammessi alla fase della coprogettazione. Agli stessi l’UIEPE darà comunicazione individuale dell’ammissione alla fase della coprogettazione, fissando la data dell’incontro per la verifica della disponibilità dei candidati a costituirsi in Associazione Temporanea di Scopo.
  9. I partecipanti ammessi che hanno dato la loro adesione dovranno quindi riunirsi in Associazione Temporanea di Scopo (ATS), da costituire in forma scritta, finalizzata alla coprogettazione e alla successiva stipula dell’accordo procedimentale di collaborazione per la gestione, in partenariato pubblico-privato sociale, dei servizi e interventi coprogettati.
  10. Si precisa che si procederà alle attività previste nel presente articolo e a quelle successive anche in caso di presentazione di una sola candidatura; in tal caso, ovviamente,  l’obbligo di cui al comma precedente è da ritenersi caducato.

L’ACCORDO DI COLLABORAZIONE

  1. La procedura di istruttoria pubblica di coprogettazione si conclude con la stipula, in forma di convenzione, dell’accordo procedimentale di collaborazione.
  2. L’accordo di collaborazione dovrà avere i seguenti elementi costitutivi minimi:
  1. Contenuto, oggetto e funzione dell’accordo
  2. Durata dell’accordo
  3. Costi e risorse della coprogettazione.
  4. Impegni delle parti dell’accordo di collaborazione
  5. Varianti al progetto definitivo della coprogettazione
  6. Assetto organizzativo della coprogettazione.
  7. Sistema di monitoraggio, valutazione e controllo della coprogettazione
  8. Risorse umane adibite ai servizi e agli interventi in coprogettazione.
  9. Garanzia definitiva
  10. Assicurazioni
  11. Erogazione contributo a compensazione
  12. Divieto di cessione
  13. Inadempienze e penali
  14. Risoluzione
  15. Trattamento dei dati personali
  16. Rinvii normativi
  17. Controversie
  18. Registrazione
  19. Allegati:
  • progetto definitivo del l’ATS
  • piano economico-finanziario della coprogettazione.
  1. Il soggetto co-progettante è obbligato alla stipula della relativa convenzione. Qualora, senza giustificati motivi, esso non adempia a tale obbligo, l’Ente capofila dell’accordo di rete istituzionale potrà dichiararne la decadenza dall’accordo di partenariato per la progettazione e gestione del servizio, addebitandogli spese e danni conseguenti.
  2. A garanzia dell’adempimento degli impegni assunti con la convenzione/accordo di collaborazione, del risarcimento dei danni derivanti dall'eventuale inadempimento degli stessi nonché a garanzia della restituzione delle somme erogate in più dal partner pubblico rispetto alle risultanze della rendicontazione finale o a causa di decadenza dai benefici economici di cui alle lettere a) e c) del comma 2 dell’art.2, il partner progettuale dovrà costituire polizza fideiussoria o bancaria o garanzia rilasciata da intermediari  finanziari per un importo pari al valore complessivo dei predetti benefici risultante dal progetto definitivo allegato alla convenzione/accordo di collaborazione.
  3. E’ vietato cedere anche parzialmente l’accordo di collaborazione, pena l'immediata risoluzione della relativa convenzione e il risarcimento dei danni e delle spese causate all’ente. E’ fatto altresì divieto di affidare totalmente o parzialmente le prestazioni e le attività che il partner progettuale si è impegnato a mettere a disposizione, al di fuori degli eventuali rapporti di partenariato individuati in sede di proposta progettuale, pena l’immediata risoluzione dell’accordo di collaborazione ed il risarcimento dei danni.

ESECUZIONE DELLE ATTIVITA’ PREVISTE NELLA PROPOSTA PROGETTUALE

L’esecuzione delle attività sarà monitorata dal Responsabile del progetto individuato dall’Amministrazione procedente, che collaborerà con il Referente del progetto individuato dall’ente aggiudicatario. Il Responsabile del progetto individuato dall’Amministrazione procedente avrà facoltà di stabilire modalità di rilevazione dell’aderenza delle attività svolte rispetto alla proposta progettuale e del buon andamento del progetto.

L’ente aggiudicatario dovrà comunicare preventivamente all’Amministrazione i nominativi degli addetti allo svolgimento delle attività previste dal progetto. L’Amministrazione ha facoltà, in ogni tempo, di richiedere la sostituzione delle unità individuate se non gradite.

Catanzaro 26 novembre 2019

                                                                                                                                 Il Dirigente dell’Interdistretto
                                                                                                                                            Emilio Molinari

PIANO FINANZIARIO

Importo totale del progetto “UP DOWN”: € 35.000,00

dettaglio delle voci di spesa:

Attività Costo unitario Costo lordo(Euro)*
Formazione tutor 54 ore x   17,63 €/ora 952,02
Borsa lavoro 400,00 € pro-capite x 8 persone x 9 mesi 28.800,00
Costo complessivo risorse impiegate nel progetto: 29.752.02

 

 

 

 

 

ALLEGATO                                                                                                 

MODELLO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALL’ ISTRUTTORIA PUBBLICA,      “ UP DOWN” FINALIZZATA ALL'INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE DISPONIBILI ALLA COPROGETTAZIONE E ALLA SUCCESSIVA GESTIONE IN PARTNERSHIP DI SERVIZI ED INTERVENTI INNOVATIVI PER L’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI IN ESECUZIONE PENALE DI ETÀ COMPRESA TRA I 18 ED I 35 ANNI, RESIDENTI NELLA REGIONE CALABRIA 

 

Spett.le

Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione penale Esterna per la Calabria -  U.I.E.P.E.

UFFICIO PROTOCOLLO

Via Tre Fontane n. 28

Località Siano

88100 CATANZARO

Il/la sottoscritto/a ……………………………….……………., nella qualità di legale rappresentante di ………………………………………………………, in relazione all’avviso pubblicato dal codesto U.I.E.P.E., intende manifestare il proprio interesse a partecipare alla procedura di istruttoria pubblica, finalizzata all'individuazione di soggetti del terzo settore disponibili alla coprogettazione e alla successiva gestione in partnership di servizi ed interventi innovativi per l’inserimento lavorativo di almeno n°8    soggetti in esecuzione penale, di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, residenti nella Regione Calabria presso almeno due sedi scelte tra (UIEPE di Catanzaro, UDEPE di Reggio Calabria, l’ULEPE di Cosenza e Crotone e la Sede d Servizio di Vibo Valentia.

A tale scopo, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28/12/ 2000 n. 445 e preso atto che, qualora emerga la non veridicità di quanto dichiarato, l’U.E.P.E. disporrà la decadenza da ogni beneficio ai sensi dell'art. 75, comma 1 dello stesso D.P.R., consapevole delle responsabilità penali cui può andare incontro per dichiarazioni mendaci, falsità in atti e uso di atti falsi, così come disposto dall’art.76 del D.P.R n. 455/2000

DICHIARA

  1. che i dati identificativi della organizzazione rappresentata sono :

a) denominazione: …………………………………..……………………;

b) natura giuridica:

     Associazione                                 Cooperativa sociale/Consorzio di cooperative sociali          

     Impresa sociale            Altro (specificare: …………………………………….…………..);

c) sede legale e riferimenti: Via/Piazza ……………….…………….……………………..., n. ……., CAP ………. Città ………………………….; indirizzo PEC …………………………………..............; recapiti telefonici: tel: …………………..……….………; fax: ………………….………………….;

d) P. IVA ………………………….……………………………, C.F. ……………………….……………………;

e) attività principale (come da Codice ATECO e/o da Atto Costitutivo/Statuto): …………………………..;

f) attività secondarie: ……………………………………………………………………………………….;

  1. che l’organizzazione è iscritta:

-                          all’Albo regionale delle cooperative sociali, ove esistente;

-                          (in alternativa) al Registro delle Associazioni o atto equivalente;

-                          (in alternativa) al Registro delle imprese sociali o atto equivalente;

-  alla CCIAA, per i soggetti obbligati, da cui risulti che l’oggetto sociale è attinente alle attività previste nell’ avviso pubblico di istruttoria pubblica;

  1.  che dal proprio Statuto risulta che l’oggetto sociale è attinente alle attività previste nell’ avviso pubblico di istruttoria pubblica (per le Associazioni e Fondazioni)

(in caso di partecipazione in una associazione temporanea o di un consorzio o altra forma di partecipazione plurisoggettiva, indicare le generalità ed i datidegli altri soggetti giuridici partecipanti)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

  1. che nei confronti dell’Ente rappresentato non sussiste alcuna delle ipotesi previste dall’art. 80 del decreto legislativo n. 50/2016 e che tale dichiarazione è resa per sé e per tutti i soggetti contemplati dalla richiamata disposizione;

(in alternativa)

-          che nei confronti dei seguenti soggetti …………………………………………… opera la seguente causa di esclusione, prevista dall’art. 80 del D. Lgs. n. 50/2016 …………………………;

-          che, pertanto, l’Ente dal sottoscritto rappresentato ha attivato apposita condotta dissociativa, come desumibile dalla documentazione allegata alla presente [Allegato n. ….];

  1. che nei confronti dell’Ente rappresentato non è in corso alcuna procedura concorsuale, prevista dalla legislazione vigente (a titolo esemplificativo: liquidazione coatta amministrativa e volontaria, concordato preventivo con e senza continuità, fallimento, scioglimento);
  1. di non versare in alcune delle ipotesi di conflitto di interesse previste dall’art. 42 del D. Lgs. n. 50/2016;
  1. che l’ente rappresentato :

-                  effettivamente opera ininterrottamente da almeno tre anni nel territorio della Regione Calabria nell'ambito delle attività legate all'inclusione sociale delle persone sottoposte a provvedimenti penali e a misure e sanzioni di comunità:

(descrizione sintetica dell’attività svolta con riferimento anche ai periodi dell'effettiva prestazione)

-                  vi abbia operato complessivamente, anche in modo discontinuo, per almeno un anno negli ultimi tre (2016/2018)

(descrizione sintetica dell’attività svolta con riferimento anche ai periodi dell'effettiva prestazione)

  1. di avere al proprio interno profili professionali con specifiche qualifiche, competenze ed esperienze coerenti con le azioni di inclusione socio-lavorativa e di raccordo e sviluppo di nuove forme di collaborazione del programma di cui all’art. 2 dell’avviso di istruttoria pubblica

(specificare, con livello adeguato di dettaglio, profili professionali, competenze ed esperienze oggetto della dichiarazione)

  1. di avere in atto o essere in grado di attivare esperienze di rete e di collaborazioni nell’ambito delle azioni previste dal programma di cui all’art. 2 dell’avviso di istruttoria pubblica

(specificare, con livello adeguato di dettaglio, le esperienze di rete e di collaborazione in atto o di quelle che l’organizzazione è in grado di attivare, oggetto della dichiarazione)

  1. di impegnarsi a costituire, in forma scritta, unitamente agli altri soggetti ammessi, una Associazione Temporanea di Scopo entro dieci giorni dalla data di comunicazione del provvedimento del dirigente del responsabile dell’UIEPE di approvazione dello schema di accordo di ATS come previsto dall’avviso di istruttoria pubblica;
  2. di garantire che nessuno degli operatori coinvolti nel progetto sarà parte, quale professionista, di rapporti a titolo oneroso di fornitura di servizi professionali a persone che fruiscono  o hanno fruito dei percorsi, delle iniziative e delle azioni oggetto della co-progettazione, in costanza dell’esecuzione delle misure penali legittimanti tale fruizione e, comunque, nei due anni successivi, con impegno a far sottoscrivere e pervenire all’UIEPE le dichiarazioni di ciascun proprio operatore interessato, contestualmente alla sua individuazione;
  3. di impegnarsi ad individuare e mettere a disposizione del progetto, unitamente agli altri soggetti partecipanti alla Associazione Temporanea di Scopo, almeno due sedi operative;
  4. di eleggere domicilio, ai fini della procedura di istruttoria pubblica, presso il luogo indicato nella presente manifestazione di interesse e di accettare che le comunicazioni avvengano esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo indicato;
  5. di autorizzare l’U.I.E.P.E. al trattamento dei dati relativi all’Ente dal sottoscritto rappresentato, unicamente ai fini dell’espletamento della presente procedura.

A tal fine allega:

  1. copia fotostatica del documento di identità, in corso di validità, del/i legale/i rappresentante/i sottoscrittore/i;
  2. copia dello Statuto, dell’Atto costitutivo o di altri eventuali atti societari/associativi rilevanti;
  3. (nel caso di associazione o consorzio già costituiti) Mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza conferito alla mandataria per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero l’atto costitutivo in copia autentica del consorzio;
  4. (nel caso di raggruppamento temporaneo già costituito) Mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza  conferito alla mandataria per atto pubblico o scrittura privata autenticata;
  5. (nel caso di associazione o consorzio non ancora costituiti) Impegno a costituire formalmente l’associazione/consorzio/GEIE secondo la disciplina prevista dalla vigente normativa

Luogo e data

                                                                                                              Firma del/i Legale/i rappresentante/i

[1]In caso di raggruppamento costituito, la presente manifestazione di interesse deve essere firmata dal legale rappresentante del soggetto capogruppo; in caso di raggruppamento o consorzio non ancora costituito, dai legali rappresentanti di tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento o consorzio.

 

 

 

Scheda

Oggetto: manifestazione d’interesse per il progetto “UP DOWN”

            Premesso che le persone in esecuzione penale hanno il diritto di fruire delle opportunità e delle risorse necessarie per partecipare pienamente alla vita economica, sociale e culturale nel loro territorio e vivere dignitosamente, questa AD sostiene la necessità, tra l’altro, di nuove azioni mirate per l’inclusione e l’integrazione dei nostri utenti, residenti nella regione Calabria di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, una fascia di soggetti a grande rischio di emarginazione.

Questo Ufficio Interdistrettuale di esecuzione Penale Esterna chiede alla società/ cooperativa/associazione/associazione temporanea di scopo, operante nella Regione Calabria, che abbia esperienza nel campo dell’esecuzione penale esterna, idee, progetti e strumenti idonei ad affrontare le nuove sfide del mercato del lavoro nell’era della globalizzazione per le fasce svantaggiate alle quali per Mission è tenuto ad offrire percorsi risocializzanti, riconoscendo alle persone in esecuzione penale il diritto alla riabilitazione, all’accompagnamento per il reinserimento a pieno titolo nella società.

Tale coinvolgimento dovrebbe portare a creare nuove start up da applicare ad almeno 8 soggetti in stato di esecuzione penale intramuraria con possibilità di accesso alle misure alternative ed ai soggetti in misure alternativa e/o di comunità.

            Ciò posto si chiede alla società/ cooperativa/associazione/associazione temporanea di scopo, operante nella Regione Calabria, che abbiano esperienza nel campo dell’esecuzione penale esterna, di voler partecipare alla presente manifestazione di interesse, allegando più start up con idee progettuali in modo descrittivo sulle modalità che saranno eseguite per il raggiungimento dell’obiettivo e la scheda (o schede) economica, che comunque non dovrà superare complessivamente i 35.000€ (trentacinquemila euro) iva compresa.

            Il progetto deve essere recapitato entro e non oltre le ore 13,00 del 18 dicembre 2019 con le modalità previste nell’avviso di questa AD.

La manifestazione di interesse, che non impegna in alcun caso l’Amministrazione, sarà ritenuta valida in presenza anche di un solo riscontro significando che avranno priorità, ove interessate, in sequenza, quelle che presenteranno il miglior preventivo in termini di costo e l’esperienza nel campo dell’esecuzione penale esterna.

Catanzaro  26 novembre 2019

 

 

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and conditions.

Comments