Sabato 5 ottobre si discuterà di programmazione annuale dei Csv, di certificazione delle competenze acquisite nel volontariato, del dono, del ruolo dei Csv nella comunicazione, del delicato rapporto del volontariato con la pubblica amministrazione 

di Alessia Ciccotti

Una delle novità della conferenza di CSVnet 2019 riguarda i 10 gruppi di lavoro tematici che quest’anno saranno più brevi e si svolgeranno in parallelo (5 + 5) il venerdì e il sabato pomeriggio. Con questa modalità sarà possibile affrontare un maggior numero di sfaccettature del lavoro quotidiano che impegna la rete dei centri di servizio: questioni in parte già consolidate e altre ancora aperte alla luce della riforma del terzo settore.

Al centro dei gruppi di sabato 5 ottobre vi sarà anzitutto il tema della programmazione annuale dei Csv (riprendendo le riflessioni di almeno due gruppi svolti il giorno prima), quindi la certificazione delle competenze acquisite nel volontariato, le pratiche condotte sul dono (la cui giornata si celebra in Italia il 4 ottobre), il ruolo dei Csv nella comunicazione del e per il volontariato, e infine il delicato rapporto di questo con la pubblica amministrazione.

Riportiamo di seguito i dati e le introduzioni sintetiche dei gruppi.

Gruppo B1 – CSV “alla Carta” – La programmazione

Di solito si descrive la differenza tra i CSV della 266 e quelli del Codice del terzo settore affermando che i primi erano chiamati a operare a favore delle Odv mentre i secondi lo sono a vantaggio di tutti gli Ets. È una descrizione non esaustiva ma efficace. Occorre validarla con un’analisi di dettaglio, associandola ad una conseguente programmazione pluriennale per obiettivi strategici ragionando per aree di attività. Il gruppo di lavoro è dedicato ad approfondire i criteri con cui potrà prendere forma la programmazione dei CSV, i fattori che concorrono alla sua redazione, le componenti che consentiranno la sua declinazione, i sistemi di programmazione e controllo, gli strumenti di misurazione dei risultati e di rendicontazione dell’efficacia sociale.

RelatoriLuciano Squillaci, vicepresidente CSVnet; Maurizio Mumolo, direttore Forum terzo settore / ConduceChiara Tommasini, vicepresidente CSVnet / Supporto tecnicoRoberto Museo, direttore CSVnet e Alessandro Seminati, direttore CSVnet Lombardia

Gruppo B2 – Cose che ho imparato a fare: come valorizzare le competenze acquisite nel volontariato

Fra le forme dell’esperienza di apprendimento informale e non formale rientra a pieno titolo la pratica del volontariato, attività largamente accessibile e contesto nel quale è più facile sviluppare competenze trasversali e soft skill. Il Codice del terzo settore dispone per il “riconoscimento in ambito scolastico e lavorativo delle competenze acquisite nello svolgimento di attività o percorsi di volontariato”. Tra i servizi dei CSV c’è un riferimento agli “strumenti per il riconoscimento e la valorizzazione delle competenze acquisite dai volontari medesimi”. Occorre fare sintesi di esperienze e riflessioni sul tema, ed agire per far emergere (e rendere consapevoli) delle competenze acquisite dai volontari.

RelatoriAndrea Simoncini, Anpal / ConduceKatia Orlandi, consigliera CSVnet / Supporto tecnicoNicolò Triacca e Elena Casini, CSVnet

Gruppo B3 – L’idea e la pratica del dono

In Italia, ogni 4 ottobre, si celebra il “Giorno del dono”. A partire dall’esperienza maturata in questi anni (tra i CSV e non solo) nella promozione dell’appuntamento e in relazione ai compiti dei CSV, verranno messi a tema l’idea e la pratica del dono nonché le modalità più valide per diffondere la consapevolezza del contributo che le scelte e le attività donative possono recare alla crescita della società italiana. Il gruppo di lavoro darà occasione per approfondire la collaborazione tra il sistema dei CSV e l’Istituto Italiano Donazione che ha promosso la legge costitutiva del “Giorno del dono” (L. n. 110 del 14/7/2015).

RelatoriCinzia Di Stasio, segretaria generale Istituto italiano donazione, Anna Cossetta, Università di Genova (in video) / ConduceIvan Nissoli, consigliere CSVnet / Supporto tecnicoClara Capponi, CSVnet e Ornella Ponzoni, IID

Gruppo B4 – Comunicare per un volontariato “autorevole e competente” 

La “nuova stagione” determinata dalla riforma normativa è occasione e motivo per i CSV di ri-affermare la propria funzione verso tutti i soggetti di riferimento, vecchi e nuovi. A questo scopo, è iniziato il percorso per realizzare una campagna di comunicazione che renda sempre più riconoscibile l’esistenza della nostra rete, la sua identità, la sua utilità per l’affermazione di un volontariato “autorevole e competente” (come chiede il Codice). A partire dalla quotidianità dei CSV e dalla percezione che di essi hanno i rispettivi territori, è dunque opportuno individuare i contenuti identitari comuni da far emergere. E soprattutto riflettere sull’immagine dei volontari e del volontariato da promuovere, sia attraverso la comunicazione locale che su scala nazionale.

RelatoreRoberto Bernocchi, pubblicitario e docente di comunicazione / ConduconoNicola Caprio e Ermanno Di Bonaventura, consiglieri CSVnet / Supporto tecnicoStefano Trasatti, CSVnet

Gruppo B5 – Amministrazioni pubbliche e volontariato, tra cultura e convenzioni

Le amministrazioni pubbliche (proprio tutte) sono tenute a promuovere la cultura del volontariato. Le specifiche competenze attribuite ad ognuna di loro suggeriscono varie possibilità di azione. Quali significative iniziative sono state realizzate in materia e con quali esiti? In tali occasioni, come sono state coinvolte le organizzazioni di volontariato e gli altri enti di terzo settore? La pratica di alcuni enti locali di organizzare direttamente l’azione volontaria dei cittadini su quali basi giuridiche si basa e come si connette con la generale promozione del volontariato? Che considerazione devono avere i CSV verso questa pratica e con quali conseguenze?

RelatorePaolo Pezzana, Centro ricerca Arc Università Cattolica Milano / ConduceLuigi Paccosi, consigliere CSVnet / Supporto tecnicoGiulia Gaudino, direttrice CSV Caserta

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and conditions.

Comments