VIBO - Codici si radica in città al servizio dei più deboli

by Tonino

VIBO

Codici si radica in città al servizio dei più deboli

Al servizio del cittadino. Questo è l'obiettivo e questa è la strada tracciata dall'associazione Codici che mette radici anche in città. Nasce, infatti, la delegazione provinciale del sodalizio, Centro per i diritti del cittadino, formato da un team di dieci giovani. Si tratta spiegano gli stessi, di «un vero e proprio team di giovani professionisti» che prestano, dunque, le loro competenze ai cittadini. È questa, infatti, la missione di “Codici”, «impegnata ad affermare, promuovere e tutelare i diritti dei cittadini con particolare riferimento alle persone più indifese ed emarginate» e che rientra tra le associazioni nazionali «in difesa dei consumatori che si battono per l'affermazione della legalità» offrendo «consulenza legale a tutti i suoi utenti riguardo problematiche attinenti servizio idrico, energia, telecomunicazioni, controversie riguardo il settore bancario e finanziario, assistenza per vittime di usura, malasanità, anatocismo e danni cagionati da ogni tipo di acquisto, nonché tutela in generale».

E obiettivo è stare a contatto con la gente sui territori. «La volontà di creare questa nuova realtà nella nostra città - spiega Alessio Di Prima, segretario provinciale - nasce dall'esigenza di fornire ai cittadini vibonesi, e non solo, degli strumenti concreti per poter fronteggiare le insidie che si nascondono dietro ogni sfaccettatura della vita quotidiana». E Gianluca Policaro, spiega come «lo sportello sarà aperto a tutta la comunità in viale Matteotti n. 74 dal lunedì al giovedì dalle 10:30 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 18:30, mentre il venerdì dalle 10:30 alle 13». Ad affiancare Di Prima e Policaro saranno Paola Spinella, Mary Maccarone, Giuseppina Sergi, Caterina Daffinoti, Giuseppe Pugliese, Tommaso Zavaglia, Giacomo Loporcaro e Francesco Suppa.

Un team di dieci giovaniguidati dal segretarioAlessio Di Prima

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and conditions.

Comments